annunci bakeca pisa

ALIMENTATORE PER LABORATORIO REGOLABILE DA 0 V A 235 V (C.A. E C.C.) 6-2014
annunci donne treviso
ALIMENTATORE PER LABORATORIO REGOLABILE DA 0 V A 235 V (CORRENTE ALTERNATA E CORRENTE CONTINUA) 6-2014.pdf


incontri donna cerca donna

6 METRI - 50 MHZ LA BANDA MAGICA COSTRUZIONE DI UN AMPLIFICATORE DA 300 W CON GI7B 6-2014
siti per conoscere gente
6 METRI - 50 MHZ LA BANDA MAGICA COSTRUZIONE DI UN AMPLIFICATORE DA 300 W CON GI7B 6-2014.pdf


chat per tutti

ANTENNA PIXIA (LA PORTABLE IXI ANTENNA) 6-2014
siti incontro completamente gratis
ANTENNA PIXIA (LA PORTABLE IXI ANTENNA) 6-2014(2).pdf


I8SKG Giuseppe Balletta

incontri rimini bacheca I8SKG Giuseppe Balletta

incontro donna roma foto di barletta L’ ANTENNA
annunci incontri donne torino (UNA MODIFICA UTILE)

incontri napoli donna Dopo avere descritto le modifiche per portare il nostro RTX, SHAK-TWO, ad operare sulla frequenza dei 50 Mc, gli accessori (Circuito di Calibrazione della Scala e Limitatore dei Disturbi Impulsivi) ed il PA per la SSB, mi accingo a descrivere una modesta e poco impegnativa modifica per portare a lavorare in Banda 50 Mc una Antenna RINGO della 27.
antenna balletta1La scelta di una Antenna Verticale, secondo il mio parere, è comoda per l’uso in VHF e, soprattutto per i 50 Mc, per chi si trovi circondato dalle montagne che impediscono un proficuo uso di una antenna direttiva (è il mio caso, per l’appunto).
D’altra parte, per gli esperti che operano sui 50, è noto che i collegamenti in DX avvengono con l’E Sporadico e che, pertanto, basta anche un’antenna mediocre quando questo fenomeno è presente. In chiusura di E Sporadico i collegamenti sono, come per i 144, a portata ottica o quasi.
Ora veniamo alla nostra antenna da modificare. L’operazione è stata effettuata su una RINGO della ECO ANTENNE e, precisamente, sull’articolo 5 del catalogo. L’operazione principale è il segare a metà la bobina di accordo alla base così che, da due spire di cui essa è costituita, ne rimanga una, senza alterarne il diametro.
La messa a punto si attua come al solito: con molta pazienza, muniti dei Rosmetro, si regola grosso modo l’altezza come da indicazioni del disegno riportato nella pagina seguente, portandola a circa 3,95 m dalla bobina di base. Il ponticello di collegamento fra il connettore d’antenna e la bobina di base modificata, va collegata con il suo serrafilo a circa 2/3 di essa, lato massa.schema balletta1
Questo come via iniziale. Tutta l’antenna io l’ho distanziata a circa 80 cm dalla ringhiera metallica della mia terrazza, e a questo proposito ci si può riferire al disegno allegato per più precisi dettagli.
Tutte le indicazioni che suggerisco è ovvio che sono indicative e che, di certo, chi ha esperienza sulla messa a punto e sul montaggio di tale tipo di antenne, saprà bene come operare.
Il minimo di ROS si otterrà ovviamente agendo sia sulla lunghezza della antenna sia sullo spostamento del ponticello sulla bobina di accordo di base.
antenna balletta2Suggerisco inoltre di non sollevare di troppo l’antenna dalla balconata, orientandosi sugli 80 cm suggeriti anche perché, sollevandola di più, non si guadagna molto sull’orizzonte e si può creare qualche problema sulla bobina di accordo di base.
Sperando di aver espresso il necessario, auguro buon lavoro e buoni DX.

incontri a matera I8SKG, Giuseppe Balletta
Via Nazionale, 176
S. Maria a Vico
81038 Caserta
Tel. 0823 808113

_______________________________________________________

cerco una donna seria ANTENNA AD ELEMENTI CIRCOLARI PER 23 CENTIMETRI H.M.

ragazze in cerca di un compagno Premessanicola antenna
In tanti anni di attività radio ed essendo innamorato delle VHF e frequenze superiori, ho dedicato molto tempo anche ai 23 centimetri con
la costruzione di antenne Yagi e lavorando anche su parabole, con illuminatori di varie forme e tantissimo materiale di ogni genere, dai contenitori metallici di caffè, ai cavalletti e tutto questo per trovare un’antenna atta a sostituire una parabola poiché più maneggevole e pronta all’uso. Poi ho visto su una rivista un’antenna molto originale che mi è parsa subito interessante, leggera, di un bell’aspetto, con una costruzione alla mia portata
ed un costo irrisorio rispetto alle antenne in commercio. Inoltre, in casa, mi sono accorto di avere tutto il materiale occorrente per la sua realizzazione. Ci vuole un po’ di tempo, un po’ di pazienza, un po’ di precisione e, sicuramente, in poche ore si può realizzare questa originale antenna. Devo dire che rispetto al progetto che avevo visto ho fatto delle modifiche sostanziali per renderla più efficiente.

app x conoscere ragazze nicola 2antenna circolare

siti x single  ancona annunci incontri Materiale occorrente antenna circolare 1

ragazza cerca ragazza ‐ Un piccolo foglio di alluminio, spessore 1 mm
‐ Un’asta di alluminio quadrangolare 12 x 12mm, di lunghezza all’incirca di 2 metri
‐ Un listello di rame di spessore 1 mm
‐ Circa 25 centimetri di cavetto coassiale abbastanzarigido
‐ Un attacco da palo, io ho trovato quello di unavecchia Fracarro; si può usare uno similare
‐ Circa 30 viti di ottone con relativo dado, lunghezza 22 mm e diametro 2,5
‐ Un connettore N con riduzione
‐ Molta pazienza e precisione nei riguardi delle misure poiché siamo a 1,2‐1,3 GHz!
La costruzione, per me, è stata molto piacevole, divertente e veloce.
La prima cosa da fare è quella di forare l’asta di alluminio lunga 2 metri che è diventata il boom, con un trapano a colonna e con punta adeguata alle viti di ottone che dovremo utilizzare. I primi 18 fori devono essere effettuati alla distanza di 9 cm (centro‐centro) della larghezza dell’asta, partendo da circa 6 cm dall’inizio del boom (Fig. 1 a pagina seguente).
I fori effettuati serviranno a piazzare gli elementi di forma circolare, l’elemento radiante e quello riflettore. Si prende, quindi, la lastra di alluminio e con una trancia si fanno delle striscioline della lunghezza antenna circolare 2 di 220 mm e della larghezza regolare di 4,8 mm. Se non avete una trancia in casa basta andare da un qualsiasi fabbro ed è un lavoro di pochissimi minuti.
Una volta fatte le strisce di alluminio devono essere ripulite, con una limetta, dalle scorie e raddrizzate poiché sicuramente, durante il taglio, si sono un po’ deformate.

ragazze a pescara  

bakeca treviso annunci antenna circolare 3 schema

incontri donne e uomini Sulle le striscette da 220 mm si effettuano due fori, con la punta con la quale è stato forato il boom, come da Fig. 2 (sopra) alla distanza centro‐centro di 212 mm. Una volta ripuliti i fori con una punta molto più grande si passa alla  antenna circolare 3 costruzione degli elementi aiutandosi con qualche cosa di circolare (io ho usato una lattina di una bibita) che risulta l’ideale. Appena curvate, si passa la vite di ottone nei due fori (Fig. 3, di lato) e si stringe con il relativo dado. Si ripete questa operazione per 22 volte e alla fine del nostro lavoro abbiamo 22 elementi pronti per il montaggio su boom.
Si passa poi alla costruzione dell’elemento radiante usando la striscia di rame che deve avere la misura di 243 mm x antenna circolare 44,8 mm (Fig. 4, di lato).
I fori vanno fatti rispettando
le misure del disegno
riportato ricordandosi
di fare un foro anche al centro della striscia di rame

chat online milano I due fori laterali   antenna circolare 5
dell’elemento radiante
devono avere un diametro
inferiore rispetto alla punta
usata per gli elementi, mentre il  foro centrale avrà
sempre il diametro della vite di ottone e servirà per il suo fissaggio al boom. L’elemento radiante verrà fissato in modo contrario rispetto agli elementi già fissati. Prima di fissare l’elemento è bene saldare il cavetto rigido (RG303U ‐ 50 Ω) come da Fig. 5.
Nel foro al centro del listello di rame verrà inserito, nella parte sotto l’elemento radiante, anche un dado che servirà per il suo fissaggio. Dietro al foro già effettuato per il passaggio della vite, verrà effettuato un altro foro del diametro del cavetto utilizzato e, una volta passato il cavetto attraverso il foro, si provvederà al bloccaggio dell’elemento radiante ed alla saldatura del connettore N con riduzione.
antenna circolare 6Per ultimo dovremo costruire il riflettore rettangolare in alluminio con le misure riportate nella Fig. 6. Terminata la costruzione del riflettore, lo stesso viene infilato nel boom, lo si fissa con due squadrette esterne e il lavoro è ultimato!
Ora basta effettuare due fori dopo il riflettore per l’applicazione dell’attacco al palo.
Un aspetto importantissimo è l’allineamento preciso degli elementi. Essendo un’antenna con l’attacco antenna circolare 7 antenna circolare 8
esterno, il peso potrebbe, con il tempo, abbassare l’antenna e piegarla
con la punta verso il basso; a questo
scopo si consiglia di mettere un tirante
di nylon dalla punta a sopra l’attacco
dell’antenna al palo (master). Ricordatevi di mettere due tappi di
plastica alle estremità del boom.
A dire il vero la mia antenna, benché
montata da diverso tempo, non ha avuto inconvenienti meccanici di sorta.
Ora basta provarla, le onde stazionarie sono bassissime (1.1 ‐ 1.2) se si rispettano tutte le misure suggerite ed il guadagno molto elevato in rapporto alla sua lunghezza.
Da prove comparative effettuate equivale ad una parabola di 1 m di diametro, costa pochissimo rispetto ai prezzi commerciali e si costruisce in poco tempo, oltre all’orgoglio di
averla creata da soli.
Ho provato l’antenna a “cerchietti” da casa,
in Contest e in DX‐pedition con risultati
sorprendenti; in particolare mi ha  accompagnato in Spagna EA5/I0SNY, in Marocco CN9CR, a Gibilterra ZB2/I0SNY, a Ceuta EA ‐ 9/I0SNY… ed in tante altre attivazioni con molti QSO oltre i 1000 km… con l’aiuto, sicuramente, anche alla buona propagazione.
Buona costruzione e buoni DX.
73
I0SNY,Nicola

annunci incontri lecce _______________________________________________________________________________

foto di andria Il nostro socio IZ8WLZ, Nino Molinari, sviluppatore Apple, è risuscito a mettere online un’app per i-phone che ci permetterà di calcolare una Moxon direttamente sul nostro portatile.
intro

donne incontri perugia main

annunci varese donne promoMoxonEcco i link per scaricarle sul Vs I-phone:

amore di chat Link diretto iPhone:
migliore sito incontri
HTML da inserire per far comparire il bottoncino “available on AppStore”:

incontri donna cerca uomo monza <a href=”https://itunes.apple.com/us/app/imoxon/id828581164?mt=8&uo=4″ target=”itunes_store” style=”display:inline-block;overflow:hidden;background:url(https://linkmaker.itunes.apple.com/htmlResources/assets/en_us//images/web/linkmaker/badge_appstore-lrg.png) no-repeat;width:135px;height:40px;@media only screen{background-image:url(https://linkmaker.itunes.apple.com/htmlResources/assets/en_us//images/web/linkmaker/badge_appstore-lrg.svg);}”></a>

inserimento annunci gratis Link diretto incontro donna ancona

annunci incontri italiana Il programma calcola le dimensioni in cm e pollici inserendo la frequenza desiderata e il diametro del filo o del tubo utilizzato

asiatiche in italia _______________________________________________________________________________

bakeca ferrara donna cerca uomo annunci per single con foto HEATHKIT HW-8HEATHKIT HW-8
Un mitico ricetrasmettitore QRP CW che ha fatto storia

annunci trans torino annunci incontri vigevano di Fabio Bonucci, IKØIXI

annunci gratis roma Parlare dell’Heathkit HW-8 non è facile. Si tratta di un apparato conosciutissimo, apprezzato da migliaia di radioamatori in tutto il mondo fin dal suo debutto, avvenuto nel lontano 1976. Su di esso sono stati scritti decine di articoli, elaborate molte modifiche, pensate e realizzate innumerevoli migliorie. Chi vuole può trovare sul web di tutto e di più.
Mi limiterò quindi a descrivere il suo principio di funzionamento, i suoi pregi e i suoi difetti, le piccole modifiche apportate per renderlo più adatto alle mie esigenze. Ma il tutto semplicemente sotto il mio punto di vista personale, che è poi quello di un radioamatore con la fissa dell’autocostruzione e del QRP alle prese con un piccolo ricetrasmettitore d’epoca che non si vuole (e non si deve) sconvolgere ma mantenere il più possibile nelle condizioni originali. Un atto dovuto nei confronti di un apparato affascinante che costituisce un ottimo esempio di “didattica pratica” inserita nel contesto del radiantismo. Il lato interessante di un HW-8 non è certo quello tecnico o delle prestazioni; l’aspetto decisamente più importante consiste in ciò che questo ha rappresentato per tutti coloro che si sono trovati nelle condizioni di costruirlo. Il suo manuale è infatti un vero e proprio percorso formativo che il radioamatore in procinto di costruirlo doveva affrontare passo passo se voleva giungere alla sua realizzazione. In questo cammino egli era preso per mano dalle complete istruzioni di montaggio e di messa a punto, coadiuvate da chiarissime illustrazioni, che portavano in pochi giorni al suo completo assemblaggio e taratura. Una volta finito, l’HW-8 regalava la soddisfazione di fare QSO con un qualcosa che era uscito dalle proprie mani. Era un modo molto istruttivo di fare radiantismo, una vera e proprio scuola per giovani radioamatori. Ancora oggi nel nostro mondo sopravvivono alcuni esempi di tale tradizione, ma la Heathkit ne fece una ragione di vita e per molti anni; peccato non esista più.

uomo cerca donna marsala siti di incontri trento Principio di funzionamento
Tecnicamente parlando, l’HW-8 è un apparato ricetrasmittente basato sulla sincrodina. In epoca moderna essa viene definita “conversione diretta”. In pratica il segnale da ricevere proveniente dall’antenna viene amplificato e miscelato con un segnale generato localmente e avente frequenza prossima a quella del segnale di antenna. La differenza di frequenza tra i due segnali ricade in banda audio, per cui è facilmente filtrabile ed ascoltabile tramite un altoparlante. Se per esempio vogliamo ricevere un segnale CW sui 14060 kHz, il segnale locale dovrà essere sintonizzato a 14.059.2 kHz oppure a 14060.8 kHz, ovvero 800 Hz sotto ( o sopra) della portante del segnale da ricevere. In questo modo si avrà all’uscita del mixer un segnale audio pari a 800 Hz. La prima cosa che salta all’occhio è che durante la sintonia troveremo due segnali CW identici a breve distanza l’uno dall’altro. Questo è il primo “difetto” della conversione diretta. Inoltre, un ricevitore così fatto deve affidare gran parte della selettività e della sensibilità allo stadio di bassa frequenza (non essendoci lo stadio di frequenza intermedia, non esistono amplificazione e filtraggio intermedi). Inoltre il segnale locale è direttamente in banda di ricezione, costituendo un potenziale disturbo per le stazioni riceventi vicine. Per vantaggio, si ha una semplicità costruttiva notevole rispetto alla tradizionale supereterodina, pur mantenendo prestazioni accettabili.

cam live chat annunci bakeka taranto Dettagli costruttivi
Nell’HW-8 il segnale d’antenna viene preselezionato tramite un front-end costituito da 4 circuiti accordati, uno per ogni banda (3.5 – 7 – 14 – 21 MHz), selezionabili dal comando di cambio banda. Il segnale viene poi amplificato da un FET che lo porta all’ingresso del mixer attivo MC1496, pronto per essere miscelato con il segnale locale generato “a conversione”. Un VFO funzionante tra 8.645 e 8.895 (250 kHz di estensione) viene miscelato tramite un mixer a diodi con 4 oscillatori a quarzo di frequenza fissa (HFO) a seconda della banda desiderata (12.395 kHz per gli 80m, 15.895 kHz per 40m, 22.895 per i 20m e 29.895 kHz per i 15m). Questo sistema permette di sfruttare la stabilità e l’estensione di un VFO a 8 MHz per generare segnali sulle gamme di interesse (come detto, il segnale locale in questo tipo di radio deve essere prossimo a quello di ricezione). Il segnale così ottenuto viene elevato da un amplificatore selettivo e reso disponibile per il mixer attivo MC1496, nonché pronto per la catena di trasmissione. L’uscita del mixer MC1496, ormai bassa frequenza, viene filtrata e amplificata fino all’altoparlante-cuffia. Per la trasmissione le cose sono molto più semplici; il segnale locale viene amplificato fino a portarlo al valore desiderato, manipolato dal tasto che, tramite il circuito di keying, crea anche un offset del VFO durante la trasmissione. A contorno del tutto ci sono alcuni circuiti accessori, come il mute e il sidetone. Tutto qui. 13 transistors, 2 integrati, resistenze e condensatori vari; essenziale ma molto efficace.

incontri a messina incontri adulti torino Problemi
Il progetto originale dell’HW-8 soffre di alcuni limiti, più che comprensibili per un apparato semplice, economico e facile da costruire anche per chi è alle prime armi in materia di radiotecnica. Principalmente, l’HW-8 soffre di seri problemi di intermodulazione sulle gamme basse, specie sui 7 MHz. Spesso si ascoltano le broadcasting mentre si è in 40m. La scarsa selettività dei circuiti di ingresso, la bassa dinamica del FET usato come amplificatore di antenna, l’insufficiente resistenza ai forti segnali da parte del mixer MC1496 sono gli elementi chiave che determinano questo effetto deleterio. La conversione diretta non è certo un sistema di ricezione ottimale, è solo uno dei più semplici. L’unico rimedio per non sconvolgere l’apparato al suo interno consiste nell’inserire un adeguato filtro preselettore esterno e nell’impiegare un’antenna monobanda. Se si vuole invece modificare l’HW-8, è necessario ricostruire i filtri di ingresso e renderli molto selettivi anche se a discapito della copertura di frequenza (tra l’altro, è incomprensibile dotare un apparato CW only di ben 250 KHz per ogni banda, bastano al massimo 70 KHz..). Poi occorrerebbe impiegare come amplificatore d’antenna un BJT al posto del FET, magari un ottimo 2N5109 dotato di ottimo comportamento dinamico. Passando al mixer, ci vorrebbe un DBM (Double Balanced Mixer) che non intermodula facilmente in presenza di forti segnali RF. Questa modifica comporterebbe anche l’aumento di livello del segnale di conversione a seconda del mixer impiegato (minimo + 7 dBm), aumentando le problematiche relative all’immissione di segnale in gamma. In trasmissione invece, la potenza di 0.5 – 1.4W può essere aumentata con l’inserimento di uno stadio a mosfet tipo IRF510. Di spazio sul pannello posteriore ce ne è abbastanza per fare ogni serie di modifica allo stadio finale. Con tutte queste modifiche, di sicuro l’HW-8 diverrebbe un ricetrasmettitore quasi comparabile ad una supereterodina; ma ne uscirebbe fuori un apparato sconvolto, “violentato”, al punto che perderebbe ogni valore storico. Personalmente, pur avendo fatto modifiche anche più pesanti su altri apparati (vedi NRD-525), sono contrario per principio a sconvolgere un apparato d’epoca per migliorarne le prestazioni. In certi apparati non si dovrebbero cercare le prestazioni bensì le sensazioni che sa trasmettere a chi li usa, le emozioni derivanti dall’impiego di una radio che appartiene alla nostra gioventù, ad un mondo ormai scomparso fatto di radio “umane”, ovvero pensate a dimensione d’uomo, che potevano cioè essere costruite, allineate, riparate in casa da un radioamatore dotato di qualche strumento ma soprattutto armato di buona volontà e voglia di imparare. In altre parole, non mi interessa cosa riesce a fare l’HW-8 ma piuttosto quello che sa darmi in termini emotivi. Per questo mi sono limitato ad apportare solo 3 migliorie non invasive, innocue e completamente reversibili, che ora vado ad illustrarvi.

massaggi milano annunci annunci ragazze foggia S-Meter
In origine lo S-Meter dell’HW-8 funziona solo in trasmissione, fornendo un’indicazione relativa della potenza di uscita, utile per verificare che l’apparato trasmette e che il Loading sia regolato per la massima uscita. Ma non è bello che in ricezione esso sia immobile, sembra quasi che il ricevitore sia spento. Per questo motivo ho pensato di rivelare la bassa frequenza e portarla allo strumento in modo da restituire in qualche modo una “parvenza di normalità”. Non è come leggere la tensione di AGC, ma è sempre un’indicazione interessante e comunque rende l’idea del segnale che si sta ricevendo.
Ecco lo schema, semplicissimo:

annunci ragazze alessandria s-meeter

bacheca donne cerca uomo cercasi ragazze single Frequenzimetro
La scala dell’HW-8 non è malvagia ma, come ogni piccola scala parlante, pecca di definizione. La sua estensione di 250 kHz non rende le cose facili e non è possibile conoscere per esattezza su quale frequenza si è sintonizzati. E i miei occhi non sono più quelli di una volta… Questo aspetto è penalizzante per il QRP, nel quale è fondamentale piazzare la chiamate sulle frequenze ad esso riservate. Avendo a disposizione un frequenzimetro digitale Norcal FCC-1, ho pensato di captare e leggere il segnale locale di conversione prima che esso giunga al mixer, in modo da essere sicuro dell’esatta frequenza di sintonia. Tale segnale è prelevabile mediante un condensatore ceramico da 47nF sul piedino “caldo” della resistenza R51 (l’altro capo è a massa). Con un cavetto schermato RG-214 lo si può portare fuori dall’HW-8 fino al frequenzimetro. Approfittando di un foro praticato nel pannello posteriore da qualche proprietario precedente, ho montato una presa RCA che ho dedicato a questo scopo. Essendo un frequenzimetro programmabile, gli ho impostato la frequenza di battimento 0.8 kHz in modo da compensare la differenza di frequenza tra la portante e la nota di battimento. Ora sopra a mio HW-8 fa bella figura un piccolo “digital readout”, retaggio dei tempi che furono, con il quale posso facilmente sintonizzarmi sulle frequenze internazionali QRP oppure essere sempre sicuro della frequenza che sto leggendo.

bacheca annunci rimini FrequenzimetroFrequenzimetro2
Grazie al frequenzimetro ora sono svincolato dalla scala e ho pensato di ridurre l’estensione del VFO della metà, ovvero a 125 kHz. Questo stratagemma permette di “addolcire” la sintonia, dimezzando la banda a disposizione pur mantenendo sintonizzabili tutte le porzioni di gamma riservate al CW. Basta aggiungere un condensatore ceramico da 28 pF in serie al variabile di sintonia e rimettere in passo il VFO mediante l’induttanza L19. Ora l’HW-8 sintonizza solo 125 kHz a partire da ogni inizio banda, rendendo la sintonia delle stazioni decisamente meno critica.

bakeka annunci ferrara annunci di uomini Conclusioni
Con questo apparato ho collegato molte stazioni europee in 2XQRP sui 40m e 20m, mentre sui 15m sono riuscito a farmi sentire da stazioni USA con soli 500 mW.
Che dire di più? Consiglio vivamente di acquistare un apparato del genere. Vi ritroverete davanti a una radio semplice e datata, ma ancora in grado di darvi una sensazione di divertimento senza pari.

incontri privati latina 73 de Fabio, IK0IXI

amori e incontri

donna cerca uomo annunci personali annunci incontri a taranto